Nuova Bormiolli

Riproduzione stufe antiche

Nel 1763 Giuseppe Bormiolli, nato a Cremona ma oriundo da Altare (SV), insediò nella città di Trento una manifattura di vetri e ceramiche. 

La particolare smaltatura della ceramica ad effetto spugnato, con tonalità che variavano dal blu cobalto al verde, passando per il colore caffè e vinaccia, è da sempre la firma della manifattura Bormiolli. Le loro creazioni erano sempre dei pezzi unici, numerati progressivamente, rigorosamente timbrati, e comprendevano stufe monumentali ma anche stufe modulari.

A 250 anni dalla nascita, nel 2013, grazie all’idea del Maestro Artigiano Patrizio Tapparelli e suo fratello Donatello, ritorna in vita la “Premiata Fabbrica Bormiolli”. Le loro mani creano oggi pezzi unici numerati e firmati come allora. Non si limitano semplicemente a copiare una stufa esistente, ma ripropongono il processo di creazione artigianale che caratterizzò per secoli questa importante fornace, creando stufe con un’anima al loro interno, stufe che sanno riscaldare anche il cuore.